mercoledì , 12 dicembre, 2018

eventi toscana

eventi toscana

0
antiquariato e web nuove tecnologie al servizio dell'antquariato e del collezionismo

Il I Open Forum, organizzato dall’Amministrazione Comunale di Arezzo per aprire un tavolo di discussione sul progetto di Arezzo Antiquaria, permette di tratte alcune conclusioni sul tema “L’antiquariato e la sfida sul web: interazione, socialità e nuove tecnologie”. Per gli operatori della comunicazione che seguono il settore antiquariato/collezionismo le occasioni di confronto come l’Open Forum di Arezzo sono preziose per fare il punto su possibili nuovi scenari, problematicità e proposte di soluzione. È possibile transitare il settore al livello 2.0? Se sì, quali sono i problemi legati al nodo comunicazione/antiquariato? Quali le strade percorribili per la loro risoluzione? Il settore antiquariato è, dal punto di vista della comunicazione, fra i più ostici. Alcuni motivi di questa difficile permeabilità degli operatori (organizzatori di mostre mercato, espositori e commercianti) alla comunicazione in genere è da riferirsi ad alcuni dati di fatto, che impediscono una ripresa del settore:

1) da anni l’antiquariato versa in una profonda crisi per i cambiamenti dei gusti e delle mode.
È un dato di fatto che il mobile antico e le suppellettili di arredamento in stile, siano considerate ‘fuori moda’. La capacità di spesa delle famiglie si è ridotta negli ultimi 10 anni (200-2012) del 39,7% e l’antiquariato, genere voluttuario non a buon mercato, ne paga un caro prezzo. Vanno ovviamente fatti dei distinguo: il settore aste di arte e antiquariato, per esempio, nel primo semestre del 2016 ha dichiarato un fatturato in crescita (leggi articolo “Lo stato dell’arte italiana”; anche il collezionismo sembra immune, almeno in certe città (leggi articolo “Il collezionismo non conosce crisi, in crescita il numero di imprese nel settore

crisi settore antiquariato

2) Non vi è stato un ricambio generazionale adeguato.
Il punto numero 1 è la prima causa di uno scarso interesse per l’antiquariato sia da parte del pubblico under 35, sia di giovani pari età che decidono di intraprendere un’attività in proprio in questo settore

ricambio generazionale nel settore antiquariato

3) Si è assistito ad un’inflazione eccessiva del termine ‘mercato dell’antiquariato’.
Il proliferare di mercati, fiere e mercatini che abusano della parola antiquariato e in realtà propongono oggettistica varia e di bassa qualità, usato e hobbistica non giova a riqualificare il settore che si trova a fronteggiare una concorrenza spesso ‘sleale’.

mercatini di cianfrusaglie

Questa fotografia sommaria, pone degli interrogativi che hanno come filo conduttore il tema di “ridurre la distanza”:

  • Come si può ridurre la distanza fra un settore paludato e i nuovi mezzi di comunicazione? Ovvero: quale è la chiave per educare gli operatori ad una maggiore fiducia verso le potenzialità delle nuove forme di comunicazione?
  • Come coinvolgere sia gli operatori che il pubblico, in modo tale da ridurre la distanza fra i due soggetti in causa? Ovvero: quali sono gli strumenti più efficaci per rendere appetibile l’antiquariato e raccontarlo in modo coinvolgente ad un pubblico sempre più ampio?

Non esistono formule magiche, ma soltanto soluzioni aperte e sperimentazioni possibili: corsi e visite guidate, racconti di oggetti sono solo alcune idee, ma prima è necessario un cambio di marcia e di mentalità da parte di tutti gli attori del settore antiquariato/collezionismo!

0
open forum Arezzo Antiquaria 20 ottobre 2016 locandina

Si preannuncia un evento importante, per addetti ai lavori e non, il primo Open Forum su Arezzo Antiquaria, in programma giovedì 20 ottobre al Palazzo di Fraternita. Nelle intenzioni dell’Amministrazione Comunale si tratta del primo appuntamento di un lungo percorso di avvicinamento verso l’anniversario più atteso, i primi cinquanta anni di vita della Fiera Antiquaria di Arezzo (compleanno nel 2018). L’open forum previsto per questa data avrà inizio alle ore 15, avrà come titolo “About 50: l’importanza della Fiera Antiquaria per la città di Arezzo”. Questo incontro, che si inserisce all’interno del più ampio progetto “Arezzo Antiquaria”, vuole essere un’occasione, da condividere con tutti coloro che parteciperanno, di riflessione e di proposte concrete sulla Fiera Antiquaria e su tutto il settore dell’antiquariato.

Arezzo Antiquaria” fotografa una situazione tutta aretina, un insieme di elementi, tutti importanti per la nostra città e il suo indotto commerciale e turistico:

  • la Fiera Antiquaria. Nel 2018 il 50° compleanno, 600 edizioni, 9 milioni di visitatori, 180.000 presenze di espositori, un indotto economico mai rilevato, ma stimabile per ogni anno in qualche milione di euro;
  • gli antiquari in sede fissa: 83 negozi tra antiquari e restauratori solo all’interno del Comune di Arezzo, quasi totalmente racchiusi dentro il centro storico della Città;
  • tre Musei sul “mondo” dell’antiquariato e del collezionismo: la Casa Museo Ivan Bruschi, unica nel suo genere; il Museo dei Mezzi di Comunicazione; il MUNACS, Museo del collezionismo;
  • una passione “locale” per il collezionismo di vario genere nata nel territorio che ha generato associazioni, fiere, mercatini: l’Associazione Il Mondo in Casa; l’Associazione Foto Club La Chimera con la sua Foto Antiquaria; l’associazione Collezionisti Storici Aretini; l’Associazione Gli arditi del ciclismo con la sua Bici in Fiera; l’edizione speciale del 25 aprile e il vintage.

L’open forum si suddividerà in due momenti: una prima parte dedicata ai saluti istituzionali e ad alcuni interventi introduttivi sui temi portanti del progetto; una seconda parte più operativa, che vedrà protagonisti tutti i partecipanti al forum, i quali saranno suddivisi in quattro tavoli di lavoro che avranno come temi portanti la Fiera Antiquaria e il settore antiquariale, i musei e il collezionismo, il turismo, il marketing e la comunicazione. Numerose le personalità di spicco del panorama locale e grande partecipazione anche dei veri e propri protagonisti della Fiera Antiquaria e dell’antiquariato aretino: dopo i saluti del Sindaco Alessandro Ghinelli e del presidente di Camera di Commercio Andrea Sereni, è prevista una breve comunicazione dell’Assessore al Turismo e Commercio del Comune di Arezzo, Marcello Comanducci, che fornirà un quadro aggiornato dell’antiquariato aretino e lancerà alcune idee in vista del 2018. A seguire interventi del direttore di CCIAA, Giuseppe Salvini, di Stefano Dall’Aglio, esperto di marketing turistico, di Daniele Rimini, docente dell’Università di Bologna e di Rebecca Bruni, direttore di Toscanantiquaria.it

QUANDO: giovedì 20 ottobre; dalle ore 15 alle ore 19
DOVE: Palazzo di Fraternita, Piazza Grande, Arezzo (MAPPA)

0
Società Corale di Impruneta mostra scatole di latta

Abbiamo visitato la mostra dal titolo “…economica, leggera, riciclabile e anche bella… LA SCATOLA DI LATTA” in programma dal 16 al 23 ottobre 2016 nel Salone della SMS Corale di Impruneta. La mostra si inserisce nel programma de La Fiera di San Luca e vi sono esposte le collezioni private di Gregorio Parrini (esposizione permanente presso “La dispensa di Andrea e Gregorio” a Strada in Chianti) e quella dell’Associazione Paese dei Balocchi (Sesto Fiorentino). I pannelli esplicativi permettono di seguire la storia del materiale – la banda stagnata – e la sua evoluzione nell’utilizzo. La presenza della bicicletta dello stagnino (un esempio delle biciclette di mestieri raccontate da Giannelli) accompagna il visitatore nella scoperta di pezzi sempre più creativi, nei quali il contenitore diventa spesso preminente rispetto al contenuto.

Le teche tematiche permettono di apprezzare i mille usi e le mille forme che questi contenitori hanno assunto nel corso del tempo: dagli anni ’30 agli anni ’80 ecco le scatole mignon, quelle usate in farmacia, quelle dei biscotti, del caffè, del tabacco e poi quelle a forma di auto, di libro, di bauletto.

Da segnalare fra i tanti pezzi le ristampe moderne in serie limitata degli automodelli Brumm nella confezione della Leone, dedicata alla serie animata Lupin III (in mostra l’esemplare 143/200) e la confezione datata 1912 venduta sui grandi transatlantici dell’epoca – come quelli della “Cunard  White Star Line”, la stessa Compagnia  del Titanic – che riporta proprio la bandiera con stella bianca in campo rosso.

DOVE: Salone della SMS Corale, Viale Vittorio Veneto 29, Impruneta (Firenze)
QUANDO: dal 16 al 23 ottobre 2016. Orario: 10/13 e 15,30/19 (tutti i giorni, festivi compresi). Ingresso libero

0
Pisa Colleziona 2016 stand Palazzo dei Congressi

Si è svolto venerdì 9 e sabato 10 settembre 2016 Pisa Colleziona, annuale convegno di collezionismo al Palazzo dei Congressi di Pisa.
Circa settanta gli espositori presenti con banchi di filatelia, numismatica, cartaceo, schede telefoniche e memorabilia. L’annullo filatelico, realizzato dal Circolo Filatelico Iconografico Pisano e Poste Italiane, è stato dedicato a Paolo Savi (Pisa, 11 luglio 1798 – Pisa, 5 aprile 1871) geologo e ornitologo, al quale dobbiamo la spiegazione scientifica dell’origine geologica del marmo di Carrara.

Pisa Colleziona 2016 annullo filatelico Paolo Savi

Marcello Cecconi collaboratore di Nuova Kros, società che gestisce l’evento, si è detto soddisfatto della presenza fidelizzata di un discreto numero di visitatori, sebbene “la data molto anticipata, abbia penalizzato l’afflusso di un pubblico di curiosi più consistente”. a data di Pisa Colleziona 2017 è già fissata per venerdì 6 e sabato 7 ottobre. C’è tempo per organizzarsi e segnarsi in agenda l’appuntamento di collezionismo più importante della Toscana, con “commercianti da tutta Italia”.
Info: Cecconi Marcello, +39 050 960666, +39 349 4018852

0
Antiquariato a San Donato in Poggio particolare stand Galli Roberto

Giovedì 28 aprile, abbiamo visitato in anteprima la nuova edizione della mostra mercato Antiquariato a Palazzo Malaspina, nell’antico borgo di San Donato in Poggio, nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa (provincia di Firenze).

Antiquariato a Palazzo Malaspina di San Donato in Poggio

La manifestazione conta sulla partecipazione di circa una decina di espositori selezionati, di area fiorentina. Il percorso si articola sui tre livelli dello storico Palazzo Malaspina, fra mobili d’epoca, stampe, suppellettili, oggetti antichi da collezione e fragranze oleose, per ambiente e per persona, dal nome evocativo Antiquaire.

Mostra antiquariato San Donato in Poggio stand collezionismo Galli Roberto

Antiquariato a Palazzo Malaspina, alla terza edizione, si prefigura – nel piano dell’amministrazione comunale – come un evento a cadenza fissa annuale in grado di valorizzare il territorio e alcune attività commerciali e produttive locali. Il richiamo delle ‘cose belle’ può essere un volano per scoprire un territorio che dal punto di vista estetico, storico e gastronomico offre opportunità eccezionali (per sapere dove andare e cosa vedere leggete questo blog di viaggio).

Antiquariato a Palazzo Malaspina particolare stand

QUANDO: giovedì 28 aprile inaugurazione alle ore 18; venerdì 29 aprile, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio orario continuato 10-22. Ingresso libero
DOVE: Palazzo Malaspina, San Donato in Poggio – Tavarnelle Val di Pesa (MAPPA)
INFO: Stefano Dini, +39 348 3327899; portatemporum@yahoo.it

0
Mercatini in cortile Foro Boario di Lucca logo

I “Mercatini in cortile”, presso l’Area del Foro Boario a Lucca, sono un’idea divenuta realtà grazie all’impegno dell’Associazione LuccaInvita. Si tratta di mercatini dell’usato e del baratto per privati cittadini dove si può trovare di tutto: un’occasione unica pensata per chi vuole disfarsi degli oggetti di casa che non usa più e una valida opportunità anche e soprattutto per essere attenti e aiutare l’ambiente in prospettiva ecosostenibile.

Mercatini in cortile Lucca, Foro Boario, 30 aprile e 1 maggio, 17 e 18 dicembre 2016

Chi espone ai nostri “Mercatini in cortile” è di Lucca, ma ci sono soci affezionati che vengono da altre provincie toscane e anche da fuori della Toscana, le merci esposte sono varie: oggetti di casa, piccola mobilia, abbigliamento, bijoux, libri, dischi, quadri e tanto altro. Sono presenti 124 stand di espositori per la giornata del Sabato e per la Domenica.

DOVE: Lucca, Foro Boario (MAPPA)
QUANDO: 30 aprile e 1° maggio 2016; 17 e 18 dicembre 2016. Orario continuato dalle 9 alle 19.30. Ingresso libero
INFO: Associazione LuccaInvita, + 39 340 8112621 www.luccainvita.com

0
Mostra mercato artigianato Anghiari design

Mostra Mercato dell’artigianato della Valtiberina Toscana dal 23 aprile al 1 maggio 2016 ad Anghiari. Quarantunesima edizione.

Nei fondi disseminati nel borgo medievale, si ammira il meglio del fatto a mano, una vasta gamma di prodotti artigianali selezionati con cura nei settori del legno, cuoio, tessuti e ferro battuto, ceramica e metalli preziosi, fino alle tecniche più moderne. Ogni anno numerosi visitatori si aggirano nel borgo storico di Anghiari per un evento clou nel settore dell’artigianato artistico, dove protagonisti da sempre sono gli artigiani e le loro eccellenze: arrotature e produzione coltelli, costruzione di archi, arredi in legno restaurati, ceramiche e terracotta, vetri lavorati, calzature e borse artigianali, panno in lana cotta del Casentino, gioielli e argenti, oggettistica di design in materiali di recupero ed eco-compatibili etc.

Mostra mercato artigianato Valtiberina Anghiari ferro battuto

Raduno camperisti
L’Ente Mostra invita i camperisti a partecipare ad un raduno nei giorni martedì 26, mercoledì 27 e giovedì 28 aprile 2016. Le iscrizioni GRATUITE al raduno andranno inviate all’indirizzo e-mail proloco@anghiari.it o telefonando all’ufficio Turistico della ProLoco 0575 749279 entro il 22/04 indicando il numero di partecipanti per ogni camper LEGGI PROGRAMMA RADUNO CAMPER ANGHIARI

DOVE: Anghiari, centro storico (MAPPA)
QUANDO: dal 23 aprile al 1° maggio 2016. Orari festivi e prefestivi 10/19.30; orari feriali 10-13 / 15-19.30
INFO: http://www.mostramercatovaltiberina.it/

0
Mostra disco e fumetto Arezzo 30 e 31 gennaio 2016

Sabato 30 e domenica 31 gennaio 2016, diciottesima edizione della Mostra del disco e del fumetto di Arezzo. Oltre cento espositori con albi da collezione, vinili, cd e tutto quanto ruota attorno al collezionismo di settore. Ampio parcheggio per i visitatori e punto ristoro all’interno.

QUANDO: sabato 30 e domenica 31 gennaio 2016. Orario per il pubblico 10-19. Prezzo d’ingresso 5 € intero e 4 € ridotto
DOVE: Centro Affari di Arezzo, Via Spallanzani (MAPPA)
INFOLINE: Associazione Culturale KOLOSSEO, +39 051 19901432

0
Frammenti di Storia 2016. Concorso per il miglior soldatino a Calenzano. Locandina

Nell’ambito del Salone del Soldatino e della Bambola d’Epoca si terrà collateralmente il 17° Concorso Internazionale “Frammenti di storia” riservato ai soldatini model da collezione. Garantita la partecipazione di club da tutta Italia e da alcuni paesi d’Europa, con l’organizzazione tecnico-scientifica dell’Associazione Fiorentina La Condotta di Firenze.

La novità di quest’anno sarà costituita nei particolari settori in gara dei figurini in concorso che saranno giudicati da una giuria qualificata presieduta da Adriano Laruccia, considerato il miglior scultore del mondo di questo settore. La giuria sarà chiamata a valutare le opere esposte per l’assegnazione di numerosi premi speciali messi a disposizione da vari Enti, Comuni, Associazioni fra i quali spicca quello della Regione Toscana. Nell’ambito del Concorso sarà assegnato anche un altro importante riconoscimento della Critica Giornalistica, con un trofeo creato dall’artista scultore Lando Landi. Premiazione “Best of the show 2016”, vincitore assoluto dell’Oscar mondiale del collezionismo, alle ore 16 di domenica 13.

ORARIO: sabato 12 marzo 2016, dalle ore 15 alle 19; domenica 13 marzo 2016, dalle ore 10 alle 17. Per favorire l’afflusso del pubblico, l’ingresso sarà ad offerta libera.
DOVE: Centro Congressi Hotel Delta Florence, Via Vittorio Emanuele 3A, Calenzano (FI)
INFO: Ufficio Turistico di Calenzano, +39 055 882041, Agostino Barlacchi +39 330 565439

 

0

Ha inaugurato sabato 3 ottobre ad Arezzo il MUNACS Museo Nazionale del Collezionismo Storico. Abbiamo partecipato all’apertura (vedi il video della cerimonia), desiderosi di scoprire che tipo di scelta i promotori dell’iniziativa (Associazione Culturale Collezionisti Storici Aretini) avessero operato per realizzare il “primo museo italiano completamente dedicato al collezionismo storico”.

MUNACS chiesa di San Sebastiano di Arezzo

Alain Borghini, direttore del Museo, ha presentato l’iniziativa come “figlia della Fiera Antiquaria di Arezzo” mercato ancora imprescindibile per chi ama il mondo dell’antiquariato, dell’arte e del collezionismo. Anche essa ha però risentito di cambiamenti nei gusti, cosicché banchi eterogenei per tipologia e qualità adesso la caratterizzano, in una commistione fra nuove tendenze del mercato e l’originale purezza di intenti.

Fiera Antiquaria di Arezzo sabato 3 ottobre

Tornando al MUNACS le note positive sono senza dubbio la splendida e funzionale sede scelta, ovvero l’ex chiesa di San Sebastiano nel cuore del centro storico. L’impegno degli organizzatori si nota anche nell’allestimento, che attualmente conta circa venti collezioni private: dalla storia del gioco negli ultimi duecento anni alla medaglistica napoleonica, dalla storia della stiratura degli abiti a quella della guerra, dalla filatelia alle targhe automobilistiche. Ambizioso anche l’intento dichiarato di affiancare alle collezioni dei membri dell’Associazione anche quelle appartenenti a collezionisti di fuori città per esposizioni specialistiche temporanee. Il primo trimestre ospita un’importante collezione di biglietti d’ingresso a musei e luoghi visitabili in genere.

MUNACS ingresso Museo Nazionale del Collezionismo Storico

Ancora da sottolineare in modo positivo, l’intento didattico con la ‘linea del tempo’ nella quale oltre diecimila anni di storia dell’umanità sono raccontati attraverso la rappresentazione di personaggi e luoghi strettamente legati al collezionismo.

MUNACS linea del tempo

Pregevole anche l’occhio strizzato al marketing con la mascotte Muuunie, l’amica del collezionista.

MUNACS Muuunie mascotte del Museo Nazionale del Collezionismo Storico

Tutto positivo allora? Sulla carta sembrerebbe… La bravura di organizzatori, staff e sponsor sarà quella di tramutare le intenzioni in realtà. Conoscendo il mondo del collezionismo, lo scoglio più duro sarà fare i conti con la natura spesso autoreferenziale di chi colleziona e con la scarsa attitudine all’apertura comunicativa che contraddistingue il nostro settore. Il solo parametro per il riuscito superamento degli ostacoli è la risposta del pubblico. Ci auguriamo di avere presto notizie positive sull’andamento della vendita dei biglietti di ingresso!

© Tutti i diritti testuali sono riservati. Credits foto: Simone Cardi
Vai alla barra degli strumenti